Histoires de Parfums 1828 Review + Jules Verne Draw

Histoires de Parfums, la casa di profumi francese fondata da Gerald Ghislain nel 2000, crea “ storie da leggere sulla tua pelle.  La loro biblioteca olfattiva è stata ispirata da persone straordinarie , decenni , materie prime ed espressioni creative nel corso della storia del mondo. Histoires de Parfums 1828 è un’ode all’anno di nascita di Jules Verne (8 febbraio 1828 – 24 marzo 1905, riconosciuto come il padre della fantascienza). I romanzi di Verne hanno ispirato generazioni di scienziati, inventori ed esploratori. Era un uomo davvero in anticipo sui tempi.

profumi ispirati allo steam punk

Steampunk, immagine di Currens tramite Pixabay

Jules Verne è famoso autore di Viaggio al centro della Terra (1863) e Ventimila leghe sotto i mari (1869), in cui la sua descrizione della nave sottomarina del Capitano Nemo anticipava alcune funzioni non ancora inventate dei moderni sottomarini. Molte delle storie di Verne sono considerate i primi esempi di steampunk, sebbene siano state scritte più di un secolo prima che esistesse il termine per questo movimento letterario e sociale. Ai tempi di Verne c’era un grande interesse per la scienza e la tecnologia: era considerata un’era meravigliosa di progresso e innovazione, producendo sia la locomotiva a vapore che l’energia elettrica, che a sua volta portò a un grande entusiasmo per l’esplorazione.

Jules Verne è nato nel 1828

Jules Verne tramite wikipedia Felix Nadir

All’inizio luminose e agrumate, le note di testa di pompelmo e mandarino di Histories de Parfums 1828 suggeriscono immediatamente la qualità tonificante di un classico profumo da barbiere, un cenno a un’era di gentiluomini bewhiskerati. È tagliente e aspro, un po ‘dolce. Poi un eucalipto legnoso si insinua, seguito da cedro caldo e un accenno di pino. Questo accende una transizione, introducendo note leggermente speziate di pepe e noce moscata. Le spezie suggeriscono un mondo passato ed esotico di rotte commerciali attraversate da scricchiolanti navi di legno e paesaggi punteggiati di vetiver. Il fondo leggermente speziato di Histoires de Parfums 1828 conserva le note agrumate e legnose dell’apertura, fondate da un accenno di incenso e frustate di vetiver terroso.

Jules Verne ha ispirato Histories de Parfums 1828

Jules Verne Buoy, foto di liselenain via Pixabay

Jules Verne è stato uno degli autori più tradotti al mondo, al secondo posto dopo Agatha Christie e uno davanti a William Shakespeare. Ispirato nel 1889 dal viaggio fittizio nel suo libro Il giro del mondo in ottanta giorni, New York World incaricò la giornalista Nellie Bly di seguire il percorso del protagonista Phileas Fogg. Le ci sono voluti 72 giorni, sei ore, 11 minuti e 14 secondi. Poi, nel 1901, il quotidiano Echo de Paris incaricò una giornalista di battere il suo tempo e lui ce la fece in 63 giorni. Un Jules Verne di 73 anni stava aspettando all’Amiens per stringere la mano al giornalista mentre il suo treno entrava in stazione. Oggi è tecnicamente possibile volare in tutto il mondo entro 40-55 ore (a seconda del tempo, del peso dell’aereo e di altri fattori).Ma come una fragranza sapientemente realizzata, il romanticismo di un viaggio (o l’eredità di un grande autore) si ritrova attraverso il tempo trascorso ad assaporare l’esperienza, come si farebbe con Histoires de Parfums 1828 dall’inizio alla fine, invece di precipitarsi verso una destinazione , conclusione o altro endpoint.

Note: Pompelmo , Agrumi , Mandarino , Eucalipto, Noce Moscata, Pepe , Cedro , Incenso , Vetiver , Pigna.

Disclaimer: Una bottiglia di Histoires de Parfums 1828 è stata generosamente fornita per questa recensione da Eden Square, distributori statunitensi delle fragranze Histoires de Parfums. Le mie opinioni mi appartengono.

Dalya Azaria, collaboratore senior

Recensione di Histoires de Parfums 1828

Histoires de Parfums 1828, foto di Dalya

Grazie alla generosità di Gerald Ghislain di Histoires de Parfums abbiamo una bottiglia da 120 ml del 1828 per un lettore registrato nell’UE, negli Stati Uniti, in Canada o nel Regno Unito. Per essere idoneo all’estrazione, lascia un commento dicendo cosa ti attrae di Histoires de Parfums 1828 in base alla recensione di Dalya, se hai una fragranza Histoires de Parfums preferita  e dove vivi. Per quale scrittore, luogo o personaggio storico vorresti vedere Histoires de Parfums creare una fragranza? Il sorteggio chiude il 29/04/2021

Leggi di più

Everything That Upset the Internet This Week

When it comes to gender equality in the tech industry, the numbers probably won’t surprise you. Only 17% of venture-backed companies are founded by women, and women make up just 7% of partners at 100 of the top venture capitalist firms.

Although many attempts are being made to encourage women into tech, we are still far from gender parity in the industry. What would the world look like if there were equal numbers of men and women in the sector? We asked three women in tech, from CEOs to developers, for their thoughts.

More female-led tech companies would change the way women are treated in society

I’m a strong believer in a connection between a company’s internal values and the final product or service. There are many examples of tech companies where their internal attitudes towards women are reflected in their products.

For example, there have been multiple stories about alleged sexual harassment relating to Uber, as well as the [leaked] “Miami letter” [CEO Travis Kalanick sent staff guidelines about when it was appropriate to have sex with other employees at a company event in Miami]. It became clear why Uber had been never considered the safest service for women – because its workplace wasn’t either.

If there were more tech companies led by women, I truly believe it would change the way women are treated in society – in part as a result of the values shown in their company’s services or products.

Valerie Stark, co-founder and CEO of friendship and dating app Huggle
The Apple Watch and Microsoft Band use optical sensors to measure heart rate. The Jawbone Up3, which instead tracks your resting heart rate, uses bioimpedance sensors and several electrodes to measure your skin’s s resistance to a small amount of electrical current. Only available right here at Urban OutfittersIt

To solve the former, you could look into optimizing with preventive maintenance which can improve internal workflows and pick up issues before they become hugely problematic.

Technology is nothing. What’s s important is that you have a faith in people, that they’re basically good and smart, and if you give them tools, they’ll do wonderful things with them

There’s  a misguided notion that natural beauty products just don’t do the job as well as conventional creams and cleansers. While that may be the case for some, I’ve found that many natural products are even better than the drugstore brands.

There’s  a misguided notion that natural beauty products just don’t do the job as well as conventional creams and cleansers. While that may be the case for some, I’ve found that many natural products are even better than the drugstore brands. Case in point: Mullein and Sparrow.

Normal Lists

  • Aliquam erat volutpat
  • Exercitation photo booth stumptown tote bag
  • Tempor duis single-origin coffee
  • Magnis dis parturient montes

Number Lists

  1. Aliquam erat volutpat
  2. Exercitation photo booth stumptown tote bag
  3. Tempor duis single-origin coffee
  4. Magnis dis parturient montes

Heading 1

There’s a misguided notion that natural beauty products just don’t do the job as well as conventional.

Heading 2

There’s a misguided notion that natural beauty products just don’t do the job as well as conventional.

Heading 3

There’s a misguided notion that natural beauty products just don’t do the job as well as conventional.

Heading 4

There’s a misguided notion that natural beauty products just don’t do the job as well as conventional.

Heading 5

There’s a misguided notion that natural beauty products just don’t do the job as well as conventional.

Heading 6

There’s a misguided notion that natural beauty products just don’t do the job as well as conventional.

Leggi di più

Parfums de Marly Delina La Rosée Review (Quentin Bisch) 2021 + Roses at Dawn Draw

Quentin Bisch / foto per gentile concessione di Givaudan

 Raramente è una fragranza così squisita che un profumiere crea tre diverse iterazioni; ognuna unica ma condivide lo stesso DNA. Quel profumiere è il pluripremiato Quentin Bisch di Givaudan , (che, tra i suoi numerosi riconoscimenti, ha recentemente vinto tre Fragrance Foundation Awards UK ( Perfume Extraordinaire , Francia e Russia nel 2020). Ho chiesto a Quentin Bisch di descrivere le differenze tra i suoi tre profumi de Marly “Roses”. È un tale onore leggere il processo artistico di M. Bisch con le sue stesse parole. – Michelyn Camen, caporedattore

 

Parfums de Marly Delina La Rosée (2021), Delina Exclusif (2018) e Delina (2017)

Foto delle tre “Delinas” di Sebastian

“Puoi vedere le tre Delina come la storia del paradiso delle rose raccontata da tre diverse angolazioni. È la stessa storia raccontata ogni volta in una cornice unica . Delina è il giardino delle rose, a metà giornata, in piena fioritura. Rose maestose, mille petali e con questo litchi adoro e un pizzico di rabarbaro croccante. E legni cremosi per contrasto e modernità. Formula semplice, ingredienti diretti, chiari e belli miscelati con il dosaggio perfetto. Delina Exclusif è il sequel serale. È vellutato, sensuale, oudoso e orientale. La rosa è più un loukoum, decadente, delizioso. È una rosa sulla pelle. Cresciuto, realizzato e più audace. Un mistero su di lei.  

 Parfums de Marly Delina La Rosée è il prequel. Prima che Delina diventasse questo vasto campo di rose, c’era l’alba. E all’alba con le primissime luci, un bocciolo di rosa sotto la rugiada. Una rosa peonia acquosa, sfaccettature di ninfea, pioggia… i legni sono più cremosi che mai, è tutta una questione di fluidità e freschezza. Importante, questo NON è un clone di Delina o A FLANKER. Più una rosa fresca super potente che brilla e vibra costantemente. “- Quentin Bisch, Profumiere di Givaudan

 

YouTube

Caricando il video, l'utente accetta l'informativa sulla privacy di YouTube.
Scopri di più

Carica il video

Il redattore Sebastian Jara recensisce Parfums de Marly Delina La Rosée

La Rosée di Parfums de Marly 2021

foto di Sebastian # theperfumeguy #cafleurebon

Grazie a Fine Fragrances Distribution e al direttore Yvan Jacqueline Distributore di Parfums de Marly, abbiamo un sorteggio per un lettore registrato CaFleureBon USA e un abbonato Smelling Great SOLO negli Stati Uniti (se non sei sicuro di essere registrato  clicca qui (devi registrarti sul nostro sito o la tua voce non sarà valida) per una bottiglia da 120 ml.

Leggi di più

CHANEL Cuir de Russie Review (Jacques Polge) 2007 + Leather Love Affair Draw

The Apple Watch and Microsoft Band use optical sensors to measure heart rate. The Jawbone Up3, which instead tracks your resting heart rate, uses bioimpedance sensors and several electrodes to measure your skin’s s resistance to a small amount of electrical current. Only available right here at Urban OutfittersIt

To solve the former, you could look into optimizing with preventive maintenance which can improve internal workflows and pick up issues before they become hugely problematic.

Technology is nothing. What’s s important is that you have a faith in people, that they’re basically good and smart, and if you give them tools, they’ll do wonderful things with them

There’s  a misguided notion that natural beauty products just don’t do the job as well as conventional creams and cleansers. While that may be the case for some, I’ve found that many natural products are even better than the drugstore brands.

There’s  a misguided notion that natural beauty products just don’t do the job as well as conventional creams and cleansers. While that may be the case for some, I’ve found that many natural products are even better than the drugstore brands. Case in point: Mullein and Sparrow.

Normal Lists

  • Aliquam erat volutpat
  • Exercitation photo booth stumptown tote bag
  • Tempor duis single-origin coffee
  • Magnis dis parturient montes

Number Lists

  1. Aliquam erat volutpat
  2. Exercitation photo booth stumptown tote bag
  3. Tempor duis single-origin coffee
  4. Magnis dis parturient montes

Heading 1

There’s a misguided notion that natural beauty products just don’t do the job as well as conventional.

Heading 2

There’s a misguided notion that natural beauty products just don’t do the job as well as conventional.

Heading 3

There’s a misguided notion that natural beauty products just don’t do the job as well as conventional.

Heading 4

There’s a misguided notion that natural beauty products just don’t do the job as well as conventional.

Heading 5

There’s a misguided notion that natural beauty products just don’t do the job as well as conventional.

Heading 6

There’s a misguided notion that natural beauty products just don’t do the job as well as conventional.

Leggi di più

Fragranze da uomo anni ’80 -’90: odora come il mio spirito adolescenziale

La fine del 20 ° secolo è stata un periodo vibrante per l’industria dei profumi e il millennio si è chiuso con un’esplosione di nuovi lanci. Dall’eccesso degli anni ’80 agli ottimisti anni ’90, il lancio di nuove fragranze è più che quadruplicato. Le fragranze maschili sono sempre state eclissate dalle loro controparti femminili, ma per non dimenticare come questi due decenni abbiano reso eccitante essere un uomo alla ricerca di un nuovo profumo quando le fragranze dei designer americani sono entrate nel loro apice, i nuovi ingredienti innovativi hanno continuato a espandere il profumo del profumiere capacità di esprimere le proprie idee, e un uomo rinascimentale è emerso, senza paura e curioso di esplorare il mondo del profumo.

 

Recensione di Yves Laurent Pour Homme

Ricordo la mia prima incursione nelle fragranze all’inizio degli anni ’90. Ho comprato una bottiglia di Yves Saint Lau noleggiata Pour Homme all’età di 16 anni. Indossandola, mi sentivo invincibile, anche se al liceo applicavo la mia fragranza come uno spray deodorante. Sapevo che non era così che veniva indossata l’eau de toilette, ma lo spritz negli spogliatoi era un invito aperto a essere vittima di bullismo da parte degli altri ragazzi. Non apprezziamo mai il tempo in cui viviamo fino a quando non arriviamo al senno di poi e, guardando indietro, gli anni ’90 sono stati anni formativi sia per le fragranze maschili che per me adolescente.

 

 L'era di MTV negli anni '90

Erano tempi colorati, l’era di MTV. Passando dall’eccesso degli anni ’80, l’alta moda si è rivolta alle strade per trarne ispirazione. L’influenza dell’hip hop e della cultura grunge può essere vista sulle passerelle degli stilisti da New York a Parigi. Seguì l’effetto gocciolante sulle fragranze firmate. Il fougère, un’armonia di agrumi , lavanda, note legnose e cumarina , una molecola sintetica che profuma di fava tonka, ha sempre dominato le fragranze maschili. Allo stesso modo in cui le orchestre recitano Mozart, ognuna con le proprie peculiarità, il fougère è stato ripetuto innumerevoli volte dai profumieri; è ancora la sonata della mascolinità nel profumo. Questo accordo essenziale è stato rinnovato nel corso degli anni ’80 e ’90.

 

Richard Gere indossa Armani in American Gigolo

Richard Gere indossa Armani in American Gigolo

I Fougères dei decenni precedenti avevano un’eleganza formale che si abbinava allo stile sartoriale del gentiluomo che li indossava. Allo stesso modo lo stilista italiano Giorgio Armani ha liberato la sartoria maschile, utilizzando tessuti più rilassati e silhouette destrutturate (che hanno dato il tono per il decennio dopo che Richard Gere è stato vestito dal Sig. Armani per il film dell’attore American Gigolo del 1980), i fougères che hanno aperto la strada hanno avuto il stesso impatto rilassato ma raffinato, come Armani Eau Pour Homme (1984) e Davidoff Cool Water (1988).

 

Brut cologne 1970s iper mascolinità

Un altro tropo che questi decenni ha avuto un ruolo nello smantellamento è stato lo stereotipo del macho che i dirigenti del marketing avevano imparato a fare affidamento per promuovere i profumi maschili. Il Brut di Fabergé (1964) era ingegnoso, fondendo la raffinatezza dello champagne e un ideale ipermascolino. Brut ha dato agli uomini il permesso di acquistare la propria fragranza senza che la loro mascolinità fosse diminuita. “Se hai dubbi su te stesso, prova qualcos’altro”, era la battuta finale della pubblicità.

Recensione di CHANEL ANTAEUS

Dopo che Yves Saint Laurent Kouros e CHANEL Antaeus furono lanciati nel 1981, le fragranze maschili iniziarono a spostarsi verso una visione più contemporanea della mascolinità, invece di mitologie antiche. L’umore si è ammorbidito e in seguito alla rivoluzione della forma fisica, gli uomini erano più a loro agio con i loro corpi e la consapevolezza della cura personale è aumentata man mano che più donne si univano a loro nel mondo del lavoro. Alla fine degli anni ’80, le fragranze maschili erano un’industria da 1,5 miliardi di dollari. Mentre gli uomini rappresentavano il 10% di quelle vendite, quella cifra era aumentata al 40%. Le case di profumeria hanno visto un’opportunità ed erano disposte ad assumersi maggiori rischi creativi e finanziari.

 

calvin_klein ads Obsession degli anni '90

Un anno prima della leggendaria sfilata CHANEL di Karl Lagerfeld ispirata all’hip hop del 1991, la casa di moda francese ha lanciato Égoïste. Il mercato delle fragranze maschili si stava affollando e i marchi di stilisti dovevano distinguersi dalla concorrenza. Obsession For Men (1986) di Calvin Klein è stato un avversario naturale poiché entrambe le fragranze erano basate su note di spezie, legni e calda ambra. Égoïste è stato lanciato con una campagna di marketing multimilionaria. La surreale pubblicità televisiva di 38 secondi del regista Jean-Paul Goude ha utilizzato un milione dal budget.

 

Recensione di CHANEL Egoiste anni '90

CHANEL Égoïste è uno dei miei preferiti di tutti i tempi. Allo stesso modo si potrebbe mettere insieme una colonna sonora della loro vita su Spotify, per il mio equivalente in fragranza, Égoïste è in cima alla mia playlist profumata. Il creatore e maestro profumiere Jacques Polge non avrebbe potuto dirlo meglio quando ha parlato di Égoïste in un’intervista del 2010: “Era così nuovo e singolare – e lo è ancora”. Come una melodia avvincente che puoi ascoltare all’infinito, ho indossato Égoïste devotamente dalla metà degli anni ’90. Non mi stanco mai del modo in cui oscilla elegantemente da dolci note agrumate a note aromatiche speziate, prima di stabilirsi su legno di sandalo, ambretta e vaniglia. Con la rosa, era apertamente floreale per il suo tempo, che ha attratto una buona parte di donne che lo indossavano molto prima che la profumeria di nicchia abbattesse la barriera del genere nelle fragranze. Nonostante Égoïste sia un tale apripista,

 

L'eau d'Issey pour homme recensione anni '90

Il profumo che ho indossato la sera in cui ho salutato il 1999 e ho salutato il millennio Y2K era Issey Miyake L’Eau d’Issey Pour Homme , una fragranza storica che sarebbe andata avanti da un secolo all’altro. La Pfizer brevettò Calone nel 1974. La nuova molecola rimase sugli scaffali dei laboratori per anni finché i profumieri non ne trovarono un uso plausibile nelle fragranze fini. Di lunga durata e diffuso con un odore che si trova a cavallo dell’anguria appena tagliata e delle brezze oceaniche, Calone ha offerto una freschezza inedita che poteva essere percepita dalla parte superiore della fragranza alla base. È diventato un ingrediente di punta di cui i consumatori non ne hanno mai abbastanza e nemmeno le case di fragranze. Ne seguì un’ondata di nuove uscite.

 

Calvin Klein ck1 degli anni '90

Kenzo Pour Homme (1991) ha dato il via alla tendenza Calone incarnata dalle note marine e ozoniche nelle fragranze maschili. Dopo L’Eau d’Issey Pour Homme (1994) è arrivata Acqua di Giò (1996) di grande successo di Giorgio Armani. Ricordo di essermi meravigliato di quanto mi facessero sentire fresche queste fragranze. Ho adorato l’assoluta radiosità che offrivano, una sensazione che ho provato anche con il bergamotto di Calvin Klein e il tè verde infuso cK One (1994). Mentre le fragranze degli anni ’80 hanno promosso sentimenti di forza, potere e ricchezza, gli anni ’90 hanno chiuso il secolo con sentimenti di unità, tranquillità e avventurarsi oltre il paradiso.

Leggi di più

Audio Post Format

The temperature in your bedroom is perfect. Your blackout curtains have been drawn shut. And you’ve just finished a cup of chamomile tea and novel that made you laugh out loud and forget about whatever was bothering you earlier in the day.

You’re just about ready to drift off, and suddenly the air conditioner kicks on. Or a car alarm screeches through the night air. Or your partner sneezes. Suddenly, you’re wide-awake again. Your brain responds to noises when you’re awake and asleep. But if the interruptions wake you up, that can keep you from getting the restful shuteye that you need.

When ambient noise is disrupting your sleep, white (or pink) noise can help to smooth out the rough edges. Imagine sitting next to a person who is loudly chewing gum in a library. Then imagine sitting next to that same person in a crowded bar. It’s the same chomping gum, but underneath the drone of a crowded place, you can’t even hear it anymore. White noise, whether it’s from a sound machine, a simple fan, or crowd noise helps to mask noise-related disruptions by creating a constant ambient sound that makes a “peak” noise, like a door slamming, less of a contrast. And that makes you less likely to be startled awake.

Leggi di più

Video Post Format

The temperature in your bedroom is perfect. Your blackout curtains have been drawn shut. And you’ve just finished a cup of chamomile tea and novel that made you laugh out loud and forget about whatever was bothering you earlier in the day.

You’re just about ready to drift off, and suddenly the air conditioner kicks on. Or a car alarm screeches through the night air. Or your partner sneezes. Suddenly, you’re wide-awake again. Your brain responds to noises when you’re awake and asleep. But if the interruptions wake you up, that can keep you from getting the restful shuteye that you need.

When ambient noise is disrupting your sleep, white (or pink) noise can help to smooth out the rough edges. Imagine sitting next to a person who is loudly chewing gum in a library. Then imagine sitting next to that same person in a crowded bar. It’s the same chomping gum, but underneath the drone of a crowded place, you can’t even hear it anymore. White noise, whether it’s from a sound machine, a simple fan, or crowd noise helps to mask noise-related disruptions by creating a constant ambient sound that makes a “peak” noise, like a door slamming, less of a contrast. And that makes you less likely to be startled awake.

Leggi di più

Gallery Post Format

The temperature in your bedroom is perfect. Your blackout curtains have been drawn shut. And you’ve just finished a cup of chamomile tea and novel that made you laugh out loud and forget about whatever was bothering you earlier in the day.

You’re just about ready to drift off, and suddenly the air conditioner kicks on. Or a car alarm screeches through the night air. Or your partner sneezes. Suddenly, you’re wide-awake again. Your brain responds to noises when you’re awake and asleep. But if the interruptions wake you up, that can keep you from getting the restful shuteye that you need.

When ambient noise is disrupting your sleep, white (or pink) noise can help to smooth out the rough edges. Imagine sitting next to a person who is loudly chewing gum in a library. Then imagine sitting next to that same person in a crowded bar. It’s the same chomping gum, but underneath the drone of a crowded place, you can’t even hear it anymore. White noise, whether it’s from a sound machine, a simple fan, or crowd noise helps to mask noise-related disruptions by creating a constant ambient sound that makes a “peak” noise, like a door slamming, less of a contrast. And that makes you less likely to be startled awake.

Leggi di più