Carrello (0) Chiudi

Nessun prodotto nel carrello.

Home Blog Senza categoria Fragranze da uomo anni '80 -'90: odora come il mio spirito adolescenziale

Fragranze da uomo anni ’80 -’90: odora come il mio spirito adolescenziale

La fine del 20 ° secolo è stata un periodo vibrante per l’industria dei profumi e il millennio si è chiuso con un’esplosione di nuovi lanci. Dall’eccesso degli anni ’80 agli ottimisti anni ’90, il lancio di nuove fragranze è più che quadruplicato. Le fragranze maschili sono sempre state eclissate dalle loro controparti femminili, ma per non dimenticare come questi due decenni abbiano reso eccitante essere un uomo alla ricerca di un nuovo profumo quando le fragranze dei designer americani sono entrate nel loro apice, i nuovi ingredienti innovativi hanno continuato a espandere il profumo del profumiere capacità di esprimere le proprie idee, e un uomo rinascimentale è emerso, senza paura e curioso di esplorare il mondo del profumo.

 

Recensione di Yves Laurent Pour Homme

Ricordo la mia prima incursione nelle fragranze all’inizio degli anni ’90. Ho comprato una bottiglia di Yves Saint Lau noleggiata Pour Homme all’età di 16 anni. Indossandola, mi sentivo invincibile, anche se al liceo applicavo la mia fragranza come uno spray deodorante. Sapevo che non era così che veniva indossata l’eau de toilette, ma lo spritz negli spogliatoi era un invito aperto a essere vittima di bullismo da parte degli altri ragazzi. Non apprezziamo mai il tempo in cui viviamo fino a quando non arriviamo al senno di poi e, guardando indietro, gli anni ’90 sono stati anni formativi sia per le fragranze maschili che per me adolescente.

 

 L'era di MTV negli anni '90

Erano tempi colorati, l’era di MTV. Passando dall’eccesso degli anni ’80, l’alta moda si è rivolta alle strade per trarne ispirazione. L’influenza dell’hip hop e della cultura grunge può essere vista sulle passerelle degli stilisti da New York a Parigi. Seguì l’effetto gocciolante sulle fragranze firmate. Il fougère, un’armonia di agrumi , lavanda, note legnose e cumarina , una molecola sintetica che profuma di fava tonka, ha sempre dominato le fragranze maschili. Allo stesso modo in cui le orchestre recitano Mozart, ognuna con le proprie peculiarità, il fougère è stato ripetuto innumerevoli volte dai profumieri; è ancora la sonata della mascolinità nel profumo. Questo accordo essenziale è stato rinnovato nel corso degli anni ’80 e ’90.

 

Richard Gere indossa Armani in American Gigolo

Richard Gere indossa Armani in American Gigolo

I Fougères dei decenni precedenti avevano un’eleganza formale che si abbinava allo stile sartoriale del gentiluomo che li indossava. Allo stesso modo lo stilista italiano Giorgio Armani ha liberato la sartoria maschile, utilizzando tessuti più rilassati e silhouette destrutturate (che hanno dato il tono per il decennio dopo che Richard Gere è stato vestito dal Sig. Armani per il film dell’attore American Gigolo del 1980), i fougères che hanno aperto la strada hanno avuto il stesso impatto rilassato ma raffinato, come Armani Eau Pour Homme (1984) e Davidoff Cool Water (1988).

 

Brut cologne 1970s iper mascolinità

Un altro tropo che questi decenni ha avuto un ruolo nello smantellamento è stato lo stereotipo del macho che i dirigenti del marketing avevano imparato a fare affidamento per promuovere i profumi maschili. Il Brut di Fabergé (1964) era ingegnoso, fondendo la raffinatezza dello champagne e un ideale ipermascolino. Brut ha dato agli uomini il permesso di acquistare la propria fragranza senza che la loro mascolinità fosse diminuita. “Se hai dubbi su te stesso, prova qualcos’altro”, era la battuta finale della pubblicità.

Recensione di CHANEL ANTAEUS

Dopo che Yves Saint Laurent Kouros e CHANEL Antaeus furono lanciati nel 1981, le fragranze maschili iniziarono a spostarsi verso una visione più contemporanea della mascolinità, invece di mitologie antiche. L’umore si è ammorbidito e in seguito alla rivoluzione della forma fisica, gli uomini erano più a loro agio con i loro corpi e la consapevolezza della cura personale è aumentata man mano che più donne si univano a loro nel mondo del lavoro. Alla fine degli anni ’80, le fragranze maschili erano un’industria da 1,5 miliardi di dollari. Mentre gli uomini rappresentavano il 10% di quelle vendite, quella cifra era aumentata al 40%. Le case di profumeria hanno visto un’opportunità ed erano disposte ad assumersi maggiori rischi creativi e finanziari.

 

calvin_klein ads Obsession degli anni '90

Un anno prima della leggendaria sfilata CHANEL di Karl Lagerfeld ispirata all’hip hop del 1991, la casa di moda francese ha lanciato Égoïste. Il mercato delle fragranze maschili si stava affollando e i marchi di stilisti dovevano distinguersi dalla concorrenza. Obsession For Men (1986) di Calvin Klein è stato un avversario naturale poiché entrambe le fragranze erano basate su note di spezie, legni e calda ambra. Égoïste è stato lanciato con una campagna di marketing multimilionaria. La surreale pubblicità televisiva di 38 secondi del regista Jean-Paul Goude ha utilizzato un milione dal budget.

 

Recensione di CHANEL Egoiste anni '90

CHANEL Égoïste è uno dei miei preferiti di tutti i tempi. Allo stesso modo si potrebbe mettere insieme una colonna sonora della loro vita su Spotify, per il mio equivalente in fragranza, Égoïste è in cima alla mia playlist profumata. Il creatore e maestro profumiere Jacques Polge non avrebbe potuto dirlo meglio quando ha parlato di Égoïste in un’intervista del 2010: “Era così nuovo e singolare – e lo è ancora”. Come una melodia avvincente che puoi ascoltare all’infinito, ho indossato Égoïste devotamente dalla metà degli anni ’90. Non mi stanco mai del modo in cui oscilla elegantemente da dolci note agrumate a note aromatiche speziate, prima di stabilirsi su legno di sandalo, ambretta e vaniglia. Con la rosa, era apertamente floreale per il suo tempo, che ha attratto una buona parte di donne che lo indossavano molto prima che la profumeria di nicchia abbattesse la barriera del genere nelle fragranze. Nonostante Égoïste sia un tale apripista,

 

L'eau d'Issey pour homme recensione anni '90

Il profumo che ho indossato la sera in cui ho salutato il 1999 e ho salutato il millennio Y2K era Issey Miyake L’Eau d’Issey Pour Homme , una fragranza storica che sarebbe andata avanti da un secolo all’altro. La Pfizer brevettò Calone nel 1974. La nuova molecola rimase sugli scaffali dei laboratori per anni finché i profumieri non ne trovarono un uso plausibile nelle fragranze fini. Di lunga durata e diffuso con un odore che si trova a cavallo dell’anguria appena tagliata e delle brezze oceaniche, Calone ha offerto una freschezza inedita che poteva essere percepita dalla parte superiore della fragranza alla base. È diventato un ingrediente di punta di cui i consumatori non ne hanno mai abbastanza e nemmeno le case di fragranze. Ne seguì un’ondata di nuove uscite.

 

Calvin Klein ck1 degli anni '90

Kenzo Pour Homme (1991) ha dato il via alla tendenza Calone incarnata dalle note marine e ozoniche nelle fragranze maschili. Dopo L’Eau d’Issey Pour Homme (1994) è arrivata Acqua di Giò (1996) di grande successo di Giorgio Armani. Ricordo di essermi meravigliato di quanto mi facessero sentire fresche queste fragranze. Ho adorato l’assoluta radiosità che offrivano, una sensazione che ho provato anche con il bergamotto di Calvin Klein e il tè verde infuso cK One (1994). Mentre le fragranze degli anni ’80 hanno promosso sentimenti di forza, potere e ricchezza, gli anni ’90 hanno chiuso il secolo con sentimenti di unità, tranquillità e avventurarsi oltre il paradiso.

Post Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *